• Visite: 732

Da Giza oltre Nut

Da “Giza oltre Nut” narra dell’amore  (che è la forza più sconvolgente conosciuta dall’uomo)  e della storia affascinante e fantastica dei due protagonisti, un uomo ed una donna. Loro, non più giovani, scoprono nel mare di internet il Sito di “Second Life” che permette a chiunque di vivere una seconda vita da contrapporre a quella che realmente stanno vivendo, sia pure in qualità di Avatar ( alter ego di se stessi) dove, tra l’altro, si possono anche acquistare partner artificiali cosi perfetti da non essere distinguibili dalle persone normali in carne ed ossa e con caratteristiche fisiche e mentali volute dall’acquirente.

Si narra anche della condizione della donna nell’Egitto dei Faraoni dove non era considerata un essere inferiore di cui servirsi a piacimento come avveniva in tutte le altre civiltà contemporanee, ma tenuta in alta considerazione. Ella era evoluta ed emancipata, poteva essere scriba, funzionario, sacerdotessa, regina e perfino Dea, essere indipendente ed avere un proprio reddito, svolgere qualsiasi lavoro dipendente o autonomo e lasciare in eredità i propri averi.

Del convincimento di Nefer, la protagonista donna, che l’Umanità tutta e in particolare la civiltà Egizia hanno goduto dell’aiuto di alieni scesi sulla terra milioni di anni prima. Questi, con raffinati interventi di alta ingegneria genetica e accoppiamenti ( tra ominidi e alieni) hanno modificato il genoma dei nostri antenati facendoli così progredire dallo stato di “homo sapiens” a quello attuale caratterizzato dalle conquiste spaziali, dalla microchirurgia e quanto altro – circostanza questa che spiegherebbe il perché l’uomo, vissuto nelle condizioni di ominide per milioni di anni, poi, nel giro di duemila-quattromila anni è progredito con velocità vertiginosa sino ai nostri giorni.

Della decisione di privare  i robot della memoria di amanti per utilizzarli quali efficienti unità cibernetiche capaci di scandagliare tutto il sapere e le conoscenze umane memorizzate nei  Centri Dati mondiali.

Così scoprono che tutte le passate civiltà, sebbene sviluppatesi in tempi e luoghi diversi e lontani, hanno avuto credi e divinità in comune cosa che non era possibile per la mancanza di contatti dovuti al basso grado di sviluppo tecnologico a meno che…  non si formuli l’ipotesi, come ha fatto Nefer,  che gli alieni presenti sulla terra hanno fatto da tramite magari nelle vesti, essi stessi, di Dei.

Nino Lacagnina

Ora disponibile in formato ebook rintracciabile su internet su qualsiasi store